Ardha Matsyendrasana - Matsyendra parziale

Home » Asana » Matsyendra parziale

Ardha = Metà   
Matsyendra = il Dio dei pesci, che per primo insegnò lo yoga all’uomo.
Asana = Posizione

Si narra che un giorno un pesce si trovasse a passare nei pressi di una caverna, dove rimase affascinato dalla voce melodiosa del Dio Shiva che in quel momento era intento ad illustrare alla sua amata sposa Parvati i misteri dello Yoga; una volta accortosi che il pesce aveva ascoltato i segreti insegnamenti, Shiva, spruzzando dell'acqua su di esso, gli donò forma divina trasformandolo in Matsyendra, ovvero il «signore dei pesci»; da allora Matsyendra tramandò in gran segreto le tecniche apprese divenendo così il primo yogin.

Questa è una delle asana fondamentali menzionate nell’Hatha yoga pradipika

(26-27):Mettere il piede destro alla base della coscia sinistra, e il piede sinistro all’esterno del ginocchio destro. Lo yogi mantiene questa posizione, afferrando i piedi, con il corpo girato nella direzione opposta. È l’asana insegnata da Shri Matsyanatha.
Questa posizione di Matsyendra stimola il fuoco gastrico, è un’arma potente che distrugge il cerchio di terribili malattie. La sua pratica costante conferisce agli uomini il risveglio di kundalini e la stabilizzazione del nettare lunare.

 

È altresì compresa tra le 32 posizioni riconosciute utili per il genere umano in questo mondo dal Gheranda Samhita

(22-23):Mantenere la regione addominale comodamente come la schiena, piegare la gamba sinistra, porla sulla coscia destra; poi poggiare su questa il gomito sinistro e la faccia sul palmo della mano destra e fissare lo sguardo tra le due sopracciglia. Questa posizione è chiamata Matsyendrasana.

Dal punto di vista fisico, la semitorsione spinale sistema le vertebre e mette in esercizio la spina dorsale, rendendola più flessibile.

Attenua un eventuale eccessivo incurvamento delle vertebre dorsali, è benefica anche in caso di schiena rigida o dolorante, e giova a tutto il sistema nervoso.

Aumenta la provvista di sangue alle vertebre e ai nervi che si diramano dalla colonna vertebrale, risanando l’intero organismo.

Ardha Matsyendrâsana tonifica la spina dorsale e previene la sacralizzazione della quinta vertebra lombare, inoltre rinforza e allunga tutta la muscolatura della colonna vertebrale.

Allunga le spalle, le anche e il collo.

Allevia i dolori mestruali, l’affaticamento, la sciatica,  mal di schiena di varia natura, lombalgie e dolori ai fianchi.

La compressione alternata del ventre stimola la milza, il fegato, i reni, il pancreas, lo stomaco e le ghiandole surrenali.

Stimola il fuoco digestivo nel ventre.

Svolge una funzione terapeutica per asma, infertilità e organi genitali.

Se si è in grado di rilassarsi in questa posizione, si potrà percepire l’energia che viene spinta verso l’alto nella spina dorsale, nella regione dorsale all’altezza del cuore.

Secondo i testi tradizionali, Ardha Matsyendrasana aumenta l'appetito, annienta gran parte delle malattie mortali e risveglia kundalini.

Non eseguite l’asana in caso di lesioni spinali, ernia del disco, protesi all’anca o recente lussazione dell’anca, sciatica, ulcera. La posizione deve essere evitata dalle donne che si trovano oltre il terzo mese di gravidanza.

 
 

logo

Il portale dello Yoga

Indirizzo

Centro Studi Yoga
Via Alcide De Gasperi, 146
83100 Avellino
Italia

tel: 347 70 00 225
email: info@yoghiamo.it

Siti Amici

Facebook

Istruttori

Contattaci

La tua email (richiesta per una risposta)

Oggetto

Messaggio

Per info e segnalazioni contatta il webmaster