Eka Utthita Pada Hastasana - Piede disteso afferrato dalle mani

Home » Asana » Piede disteso afferrato dalle mani

Eka = Uno
Utthita = Allungato, Stirato  
Pada = Piede  
Hasta = Mano
Asana = Posizione

Posizione di un piede disteso afferato dalle mani.

- Posizionatevi in Tadasana, spostate il peso del corpo su un solo piede, avanzate l’altro senza spostare il vostro baricentro e puntellatelo sul tallone. Le gambe sono entrambe ben tese, il piede avanzato è ad  angolo retto con lo stinco venendo così ad assumere la classica posizione denominata “a martello”. Ora, inspirando, sollevate le braccia tese lateralmente, allungatevi verso il cielo, sollevate il diaframma e la cassa toracica, il dorso, l’addome, le spalle. Espirando ritraete l’ombellico e flettete il busto in avanti piegando solo la gamba di sostegno. Abbassate più che potete il bacino, spingetelo indietro e verso il basso fin quando le ginocchia (quella arretrata piegata e quella avanzata distesa) non si troveranno alla stessa altezza. Le mani afferrano le dita del piede puntellato ed esercitano una trazione costante, l’addome pigia sulle cosce e la fronte si porta a contatto delle ginocchia. In posizione respirate regolarmente: vista la compressione addominale e la posizione del busto, la respirazione si focalizzerà tra le scapole; lasciate che il respiro smuova questa zona liberandola dalle tensioni presenti con l’aiuto dell’allungamento muscolare. Il movimento del diaframma unito alla compressione intra-addominale esercita una efficace stimolazione dell’intestino e degli organi dell’addome, è per questo che si consiglia di avanzare per primo il piede destro.

- Per uscire dalla posizione tiratevi su inspirando, stendete la gamba di sostegno e sollevate il busto, utilizzate le braccia come se fossero delle leve per mantenere il busto ben dritto durante la risalita, tenetele stese e  ben aderenti alle orecchie. Una volta tornati in posizione eretta, con le braccia in alto e entrambe le gambe tese (solo quella leggermente avanzata è puntellata sul tallone), espirando, abbassate le braccia lateralmente e ritraete il piede avanzato tornando così nella posizione di partenza Tadasana.

Questa posizione mette alla prova il nostro equilibrio, le nostre gambe e la nostra schiena.

Ricercate un costante equilibrio tra la distensione della gamba avanzata e la trazione delle braccia, tra l’allungamento del dorso e la compressione dell’addome sulla coscia di sostegno.

 

Questa posizione tonifica i muscoli della coscia piegata mentre distende le catene muscolari della gamba distesa.

Rinforza le caviglie, le ginocchia e le braccia.

Rilassa il fondo schiena, assesta il bacino, allunga la regione infra-scapolare e scioglie le vertebre cervicali.

Esercita una stimolante compressione dell’addome e delle viscere, favorendo la peristalsi intestinale.

Attiva la tiroide e tonificagli organi genitali. 

È ottima per alleviare dolori e contrazioni lungo la colonna vertebrale.

Vista la compressione dell’addome, il respiro affluirà nella regione infrascapolare.

 

 

 
 

logo

Il portale dello Yoga

Indirizzo

Centro Studi Yoga
Via Alcide De Gasperi, 146
83100 Avellino
Italia

tel: 347 70 00 225
email: info@yoghiamo.it

Siti Amici

Facebook

Istruttori

Contattaci

La tua email (richiesta per una risposta)

Oggetto

Messaggio

Per info e segnalazioni contatta il webmaster